1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
 
Camera di Commercio di Massa-Carrara
Per informazioni relative a quest'area rivolgersi a:

UFFICIO AGRICOLTURA, AMBIENTE E STATISTICA

Indirizzo:
Via VII Luglio,14
54033 Carrara (MS)

Telefono:
0585/764226-204
Fax:0585/764224

Email:
statistica@ms.camcom.it

Orari:

da lunedì a venerdì (8.30 - 12.15);
martedì e giovedì anche (15.00 - 16.00)
 

Contenuto della pagina

Albo nazionale Gestori Ambientali


Nuovo Regolamento in vigore dal 7 settembre 2014

Il nuovo regolamento (DM 120/2014) - in vigoredal 7 settembre 2014- si prefigge almeno due obiettivi:
1) semplificare la gestione amministrativa,attraverso la previsione di procedure più snelle per le iscrizioni, levariazioni e i rinnovi delle iscrizioni;
2) prevedere requisiti più stringenti per le imprese che decidono di iscriversi all'albo e, dunque, una maggiore qualificazione delle imprese e delle figure professionali coinvolte, come il responsabile tecnico (RT)

Il D.M. 120/2014 abroga e sostituisce il D.M. 28aprile 1998 n. 406 cioè la norma che sino ad ora ha regolato il medesimo Albo, apportando numerose novità in materia, tra le quali si segnalano:
1)la razionalizzazione delle disposizioni relative ai requisiti soggettivi;
2)l'introduzione dell'obbligo della trasmissione telematica delle domande e delle comunicazioni;
3)l'introduzione dell'obbligo di aggiornamento quinquennale per il responsabile tecnico;
4)l'abrogazione dell'obbligo di dimostrare l'idoneità dei mezzi di trasporto mediante una perizia giurata
5)la riduzione della tempistica relativa all'espletamento del procedimento d'iscrizione e semplificazioni in tema di comunicazione delle variazioni.

Per ulteriori informazioni consultare il sito web dell'Albo Gestori Ambientali




SISTRI


 Con circolare del Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare del 24 giugno viene stabilito che le aziende iscritte al Sistri
 (Sistema di Tracciabilità del Rifiuti) che, in virtù dei nuovi criteri definiti dal decreto del Ministro dell'Ambiente del 24 aprile scorso, non
 sono tenute ad aderire al Sistri e non hanno deciso di aderirvi volontariamente, non dovranno versare il contributo annuale di iscrizione
 alla scadenza del 30 giugno prossimo. Dovranno essere definite, insieme alle associazioni di categoria, procedure e modalità semplificate per lacancellazione dal SISTRI e la restituzione dei dispositivi.
Per informazioni potete consultare il sito http://www.minambiente.it/notizie/sistri-le-aziende-che-non-aderiscono-al-sistema-esentate-dal-pagamento-del-contributo

 Ricordiamo che, al momento, la procedura per la restituzione e la cancellazione,secondo quanto indicato sul sito SISTRI, è la seguente:
 L'impresa deve accedere, mediante dispositivo USB, all'area Gestione Azienda del portale SISTRI e presentare una richiesta di cancellazione
 Una volta accolta la richiesta inviare il dispositivo a mezzo raccomandata A/R, entro 10 giorni lavorativi dalla comunicazione di cancellazione, con raccomandata
 A/R a: SISTRI Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Via Cristoforo Colombo 44, 00147 Roma.

I soli trasportatori iscritti all'Albo Gestori fanno invece riferimento, per la cancellazione dei mezzi e la restituzione dei token USB, alle Sezioni Regionali dell'Albo Gestori, come
previsto dalla circolare del Comitato nazionale dell'Albo Gestori del 28 febbraio 2011.


L'articolo 14 del Decreto legge 24 giugno 2014 n. 91 recante "disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale ..." pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale
del 24 giugno 2014 stabilisce che entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del Decreto il sistema di tracciabilità dei rifiuti è semplificato in via prioritaria con l'applicazionedell'interoperabilità e la sostituzione dei
dispositivi
token usb


SISTRI - Pubblicato il decreto del Ministero dell'Ambiente che esenta le imprese e gli enti fino a 10 dipendenti


Sintetizziamo i cinque punti qualificanti del decreto del Ministero dell'Ambiente 24 aprile 2014, in vigore dal 1° maggio 2014:

1. Per venire incontro alle esigenze dei piccoli produttori, viene previsto l'obbligo di adesione al SISTRI solo per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che abbiano più di 10 dipendenti, operanti nei settori industriali, artigianali, commerciali, sanitari e di servizi (art. 1).

2. Le imprese che non sono tenute all'iscrizione al SISTRI, saranno in ogni caso tenute a rispettare gli adempimenti e gli obblighi relativi alla tenuta del registro di carico e scarico e del formulario di identificazione, previsti per legge.

3. Tutti i soggetti tenuti ad aderire al SISTRI dovranno versare - entro il 30 giugno 2014 - un contributo annuale nella misura e con le modalità previste dalle disposizioni vigenti. L'avvenuto pagamento dovrà essere comunicato tramite accesso all'area "gestione aziendale" disponibile sul portale SISTRI in area autenticata.

4. A decorrere dal 15 maggio 2014, le procedure di prima iscrizione, modifica anagrafica, pagamento, richiesta di conguaglio o risoluzione di criticità, dovranno essere effettuate esclusivamente mediante le applicazioni disponibili sul portale SISTRI.

5. Introdotte nuove regole operative per il trasporto intermodale (art. 2).

 

Avvio dell'operatività del SISTRI - 2° Fase

Il D.M. 20 marzo 2013, ha stabilito le date per l'avvio progressivo del SISTRI:

A. Dal 1° ottobre 2013:
* produttori iniziali di rifiuti pericolosi con più di 10 dipendenti;
* le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero o smaltimento di rifiuti;
* i commercianti e gli intermediari di rifiuti;
* i consorzi istituiti per il recupero o il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti che organizzano la gestione di tali rifiuti per conto dei consorziati;
* le imprese e gli enti che raccolgono o trasportano rifiuti speciali a titolo professionale;
* nel caso di trasporto navale, l'armatore o il noleggiatore che effettuano il trasporto o il raccomandatario marittimo di cui alla legge 4 aprile 1977, n. 135, delegato per gli adempimenti relativi al SISTRI dall'armatore o noleggiatore medesimo;
* nel caso di trasporto intermodale marittimo di rifiuti, il terminalista concessionario dell'area portuale di cui all'articolo 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, e l'impresa portuale di cui all'articolo 16 della citata legge n. 84 del 1994, ai quali sono affidati i rifiuti in attesa dell'imbarco o allo sbarco, in attesa del successivo trasporto;
* nel caso di trasporto intermodale ferroviario di rifiuti, i responsabili degli uffici di gestione merci e gli operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, gli impianti di terminalizzazione e gli scali merci ai quali sono affidati i rifiuti in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell'impresa ferroviaria o dell'impresa che effettua il successivo trasporto.

B. Dal 3 marzo 2014:
* le imprese e gli enti produttori di rifiuti speciali pericolosi con meno di 10 dipendenti;
* le imprese e gli enti produttori di rifiuti speciali non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, che hanno più di 10 dipendenti;
* i Comuni, gli enti e le imprese che gestiscono i rifiuti urbani del territorio della Regione Campania.

 

Il SISTRI è un sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti istituito dal Ministero dell'Ambiente, tramite Decreto Ministeriale ed è gestito dal Comando Carabinieri per la tutela dell'Ambiente.

L'avvio di questo sistema sostituirà taluni adempimenti ambientali (registro di carico e scarico, formulario di identificazione dei rifiuti e il Mud), attraverso l'utilizzo di dispositivi elettronici USB ed una black box (scatola nera) da installare sui mezzi di trasporto da parte di officine autorizzate dal Ministero dell'Ambiente.

Il nuovo sistema di gestione dei rifiuti riguarda sia le imprese iscritte che non iscritte all'Albo Nazionale Gestori Ambientali.

Soggetti obbligati e modalità di iscrizione
Le categorie di imprese soggette all'iscrizione al SISTRI e le modalità di iscrizione sono contenute nel portale nazionale www.sistri.it
Attraverso lo stesso portale è possibile iscriversi on-line e richiedere informazioni sulle procedure

Competenza delle Camere di Commercio

Le Camere di Commercio sono incaricate esclusivamente alla consegna dei dispositivi USB alle imprese, eccetto che alle imprese di trasporto iscritte all'Albo Gestori Ambientali, che si rivolgeranno direttamente alla competente Sezione Regionale.

Ritiro dei dispositivi USB

L'impresa per verificare lo stato della propria pratica Sistri può collegarsi al sito www.ecocamere.it.
Al momento del ritiro è necessario presentare allo sportello i seguenti documenti:

  • delega del legale rappresentante firmata in carta semplice secondo il formato disponibile sul sito SISTRI;
  • copia della ricevuta che attesti l'effettivo avvenuto pagamento del contributo di iscrizione a SISTRI;
  • dichiarazione di autocertificazione (DRR 445/2000) firmata dal legale rappresentante con i dati comunicati a SISTRI al momento dell'iscrizione, relativi alle Unità Locali di competenza della CCIAA presso la quale si effettua il ritiro (la dichiarazione è quella prevista dal MODULO DI ISCRIZIONE AL SISTRI N. 2). Per coloro che avranno effettuato la procedura di iscrizione con la modalità "on line", il modulo di dichiarazione è quello generato automaticamente dal sistema;
  • fotocopia del documento di identità del legale rappresentante;
  • fotocopia dei documenti di identità dei delegati i cui nominativi sono stati indicati al momento dell'iscrizione a SISTRI e sono riportati nella dichiarazione di autocertificazione;
  • attestato di versamento dei diritti di segreteria alla Camera di Commercio;
  • dichiarazione di impegno all'uso coretto dei dispositivi USB (nel formato disponibile sul sito SISTRI).

Registro Gas Fluorurati


L'articolo 13 del D.P.R. 43 del 27/01/2012 istituisce presso il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il "Registro telematico nazionale delle persone e delle imprese certificate" (cosiddetto "Registro Gas Fluorurati").

La gestione del Registro è affidata alle Camere di Commercio competenti, capoluogo di regione e di provincia autonoma.

La Camera di Commercio di Firenze è competente a ricevere le istanze di iscrizione nel Registro delle persone fisiche residenti nel territorio della Regione Toscana e delle imprese con sede legale nel territorio della Regione Toscana.

L'iscrizione può essere eseguita solo per via telematica tramite il portale www.fgas.it.

L'iscrizione al Registro da parte dei soggetti obbligati deve essere effettuata entro 60 giorni dalla sua istituzione (quindi entro il 12 aprile 2013) ed è condizione necessaria per ottenere i certificati e gli attestati.

A partire dalla data di istituzione del Registro, chiunque intenda svolgere le attività previste dalla norma deve preventivamente iscriversi al Registro stesso.

Voto

Non sono presenti commenti